La quinoa: un alimento ricco di salute ed energia

La quinoa è un alimento perfetto per chi vuole seguire una dieta sana ed equilibrata con un’ottima fonte d’energia e vitalità.

Per le sue importanti caratteristiche antiossidanti ed energetiche, la quinoa è da molti considerata un vero superalimento e può essere utilizzata come ingrediente per realizzare molteplici ricette molto gustose, sazianti e ricche di fibre, Sali minerali, proteine e amminoacidi.

Cos’è la quinoa

La quinoa è una pianta erbacea annuale, appartenente alla famiglia delle Chenopodiaceae, di cui esistono più di 200 varietà diverse. I suoi semi macinati contengono un’alta percentuale di amido e per questo motivo viene considerata un pseudo-cereale.

Grazie al suo elevato contenuto di proteine, la quinoa è ancora oggi l’alimento base di molte popolazioni che vivono nelle zone andine del Sud America e viene coltivata da oltre 5000 anni ad altitudini che superano i 4000 metri, in particolare nei territori del Salar, di Oruro e di Potosí.

Solitamente, viene seminata all’inizio della primavera o in autunno e, a seconda delle zone di coltivazione e delle varietà, si raccoglie tra aprile e giugno o tra luglio e agosto. Si tratta di una pianta particolarmente resistente e che, nelle zone d’origine, non richiede particolari trattamenti, ma condizioni climatiche favorevoli rintracciabili solo in Bolivia, Perù, Cile ed Ecuador.

Le proprietà e i benefici della quinoa

Le proprietà della quinoa sono numerose e fondamentali per uno stile di vita sano e nutrizionalmente completo. Infatti, è molto nutriente e ricca di fibre, che favoriscono il transito intestinale e il metabolismo. Inoltre, possiede un’alta percentuale di Sali minerali, fornisce un ottimo apporto proteico ed è totalmente priva di glutine.

La quinoa è una vera alleata del sistema cardiocircolatorio, perché è composta per oltre il 60% da carboidrati a basso indice glicemico, che aiutano a tenere sotto controllo gli zuccheri nel sangue e hanno un forte potere saziante, ideale per chi soffre di diabete e per chi vuole seguire una dieta dimagrante e ipocalorica.

Le proteine presenti nei semi e nella farina di quinoa sono di alto valore biologico e, in particolare la lisina e la metionina, sono fondamentali per lo sviluppo del sistema immunitario e degli anticorpi, per la produzione dei tessuti ossei e cartilaginei, e per l’azione lipolitica sul fegato e le arterie.

Le fibre alimentari contenute nella quinoa hanno un effetto benefico sia sull’apparato digerente sia sull’intestino, migliorandone il funzionamento, abbassando i livelli di acidità e prevenendo possibili disturbi come ulcere e gastriti.

Infine, i Sali minerali e le vitamine aiutano l’organismo a mantenersi sano, con un’ottima azione antiossidante, antinfiammatoria e preventiva nei confronti dell’ osteoporosi. È stato infatti dimostrato che la quercetina, un flavonoide contenuto in questo prezioso alimento, sarebbe in grado di limitare la sintesi di molecole infiammatorie e di aumentare il consumo energetico delle cellule muscolari, con un ottimo effetto sul controllo del peso corporeo e la riduzione del senso di fame.

La quinoa in cucina

La quinoa può essere utilizzata in cucina per sostituire altri cereali ed è possibile mangiarla anche tutti i giorni, sebbene in una dieta sana ed equilibrata, è consigliabile alternarla a farro, riso, miglio e grano saraceno, in modo da avere sempre un’ampia varietà di nutrienti. La dose consigliata è intorno ai 70-80 grammi ed è bene non superarla, soprattutto se si soffre di calcoli renali.

Si tratta di un alimento semplice da preparare e molto versatile, ma è necessario seguire alcune accortezze. Innanzitutto, è bene lavare accuratamente i chicchi di quinoa prima di utilizzarli ed eventualmente lasciarli in ammollo per qualche ora, al fine di eliminare le saponine, sostanze tossiche dal gusto amaro che rivestono i suoi semi e che possono provocare alterazioni nelle membrane cellulari. Oltre a ciò, le saponine sono irritanti per gli occhi, le vie respiratorie e le mucose gastrointestinali.

Successivamente, la quinoa può essere cotta in abbondante acqua salata per circa un quarto d’ora e scolata con un colino a maglie molto fitte per trattenere i suoi grani di piccole dimensioni.

Essendo un alimento dagli innumerevoli utilizzi e ottimo in tantissimi abbinamenti, la quinoa può essere consumata in ogni momento della giornata: a colazione si può aggiungere allo yoghurt o alla frutta fresca, a pranzo e a cena può accompagnare un’insalata o un piatto di verdure e può diventare anche un ingrediente innovativo e fantasioso per preparare risotti, zuppe, minestre, torte e biscotti.

La quinoa nel nostro shop

Sul nostro shop è possibile acquistare diversi prodotti contenenti quinoa, coltivata secondo i principi dell’agricoltura biologica e il commercio equo e solidale.

La Quinoa real in grani Bolivia – bio è tra le varietà più pregiate prodotte in Bolivia. Ha un eccellente profilo nutrizionale ed energetico, ed è adatta per condire insalate o per preparare deliziose pietanze a base di verdura.

Per una pausa sfiziosa o una colazione veloce, sono disponibili diverse tipologie di snack dolci e salati, nutrienti, golosi ed energetici. Il Cioccolato Mascao fondente extra con quinoa e riso – bio si distingue per il suo profumo intenso e la fragranza dei cereali. I Biscotti Biofrolle alla quinoa – bio, leggeri e croccanti, sono perfetti per iniziare la giornata con gusto o per una merenda a metà pomeriggio, mentre le barrette  Querida cocco con quinoa – bio e Querida mirtilli con quinoa sono l’ideale per spezzare la fame e ripartire con la giusta carica di energia.

Per un aperitivo con gli amici o in sostituzione del pane, si possono scegliere i Crackers i Rudi al sesamo con quinoa e tapioca oppure i deliziosi triangolini Le locas – riso nero e quinoa – bio, realizzati solo con ingredienti semplici, sani e totalmente privi di glutine.

I prodotti Punto Equo sono certificati e seguono i più rigorosi standard internazionali che ne garantiscono la massima naturalità, la presenza di ingredienti biologici certificati e l’esclusione di test sugli animali. I nostri metodi di produzione sono sempre a basso impatto ambientale e con una particolare attenzione alla biodiversità.

Distributori automatici Punto Equo a Monza: sostenibilità e commercio equosolidale per una dolce pausa di gusto e bontà

Quando si vuole assaporare un buon caffè o uno snack sano e sostenibile, l’ideale è scegliere i distributori automatici Punto Equo a Monza. Un momento da gustare in totale relax tra un impegno di lavoro, un tranquillo viaggio in treno e una passeggiata nel parco.

La lunga esperienza nel settore della distribuzione automatica consente a Punto Equo di offrire ai propri clienti, distributori automatici sempre innovativi e con grafiche originali, ma soprattutto sostenibili e rispettosi dell’ambiente.

Al fine di limitare la quantità di rifiuti plastici e proporre prodotti ottimi dal punto di vista nutrizionale, Punto Equo rifornisce i suoi distributori automatici a Monza solo con prodotti di qualità, confezionati in packaging ecosostenibili e prodotti alimentari realizzati esclusivamente con ingredienti sani, biologici e provenienti dalla filiera del commercio equo e solidale. I clienti che preferiscono ridurre al massimo i rifiuti vengono incentivati da Punto Equo con una fornitura di tazzine personalizzate e cucchiaini riutilizzabili più volte.

Le aziende pubbliche e private o le attività commerciali e professionali possono richiedere l’installazione in comodato d’uso gratuito dei distributori automatici Punto Equo a Monza. Ogni attrezzatura può essere personalizzata con una grafica esclusiva, che facilita la comunicazione dei propri valori aziendali a dipendenti, ospiti e clienti. In questo modo, ogni momento di relax può trasformarsi in un’opportunità e un’occasione sicuramente utile per diffondere i fondamentali principi di sostenibilità e responsabilità ambientale e sociale.

Punto Equo mette a disposizione diverse tipologie di distributori automatici a Monza, che si adattano perfettamente ad ogni tipologia d’azienda, dalle piccole imprese familiari fino alle grandi organizzazioni più strutturate. Ogni distributore automatico viene costantemente controllato e, se necessario, viene effettuata la manutenzione ordinaria e straordinaria, in base all’usura dei componenti, al fine di garantirne il completo funzionamento e il massimo delle funzionalità.

A seconda del tipo di assistenza da effettuare sull’attrezzatura, i tecnici specializzati Punto Equo possono intervenire direttamente in loco sui distributori automatici a Monza o trasportarli presso il laboratorio interno per la manutenzione straordinaria o la sostituzione di parti più ingombranti e difficili da trasportare.

In caso le componenti presentino segni di usura o sia necessario l’aggiornamento delle attrezzature, il team di professionisti è pronto ad intervenire per permettere al macchinario di funzionare nei migliore dei modi il più a lungo possibile. Inoltre, per evitare inutili sprechi di risorse, Punto Equo fornisce solo distributori automatici a risparmio energetico che abbiano un ridotto l’impatto ambientale.

Per favorire una cultura alimentare che sia più sana e nutrizionalmente valida anche durante una breve pausa, Punto Equo offre snack e caffè di alta qualità, realizzati solo con ingredienti e materie prime bio e certificate da organizzazioni internazionali come Altromercato, Liberomondo e Vagamondi. I consumatori sono tutelati dai costanti controlli su tutta la filiera, dalla produzione in campo fino alla distribuzione al dettaglio, e dalla rigorosa applicazione dei principi dell’agricoltura sostenibile, che oltre a valorizzare i processi di coltivazione a basso impatto ambientale, tiene in grande considerazione il valore del lavoro delle persone, che meritano una retribuzione equa e garantita per migliorare la propria qualità della vita e assicurare un futuro sostenibile alle prossime generazioni.

Ogni prodotto, prima di essere inserito nei distributori automatici a Monza, viene attentamente valutato per il suo gusto, i valori nutrizionali e le caratteristiche più specifiche, in modo da soddisfare ogni tipo di esigenza alimentare: da chi preferisce prodotti a base di farine integrali e senza glutine fino a chi ama i pasti a base di frutta e la verdura fresca, gli yoghurt bio e le insalate di legumi e cereali.

Punto Equo ha fatto una scelta etica che coinvolge tutti gli aspetti ambientali, economici e sociali della sua attività, attraverso la certificazione Fairtrade International, con cui si garantisce che i lavoratori siano sempre tutelati dal punto di vista economico, con condizioni di lavoro adeguate, eque e solidali.

In questo modo, ogni pausa o momento di relax diventa un’occasione utile per per sostenere la vita di intere comunità, in cui vengono sviluppati e promossi progetti di crescita e migliorate le condizioni di vita delle persone nelle zone più povere del mondo.

Per saperne di più sui distributori automatici Punto Equo a Monza, visita il sito  Punto Equo, chiama il numero +39 340285 5826 oppure scrivi un’email all’indirizzo info@puntoequo.org.

I Frutti di bosco: proprietà e benefici

I frutti di bosco sono preziosi alleati per la nostra salute, perché ricchissimi di antiossidanti, che aiutano a prevenire le malattie e a contrastare gli effetti negativi dell’invecchiamento cellulare.

Tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate sono nel pieno della maturazione ed è il momento ideale per gustarli in tutta la loro bontà, magari raccogliendoli durante una passeggiata in montagna e assaporandoli freschi e al naturale.

Pur essendo considerati più un peccato di gola che un vero alimento, alcuni studi scientifici hanno dimostrato che i frutti di bosco sono dei veri superfood per l’alta percentuale di vitamine, fibre, Sali minerali, oltre a contenere pochissime calorie.

I frutti di bosco, alleati speciali della nostra salute

Mirtilli, fragoline, lamponi, ribes, uva spina e more sono i frutti di bosco più diffusi e apprezzati a tutte le età. Oltre ad essere buoni, sono particolarmente indicati per la stagione calda, perché contengono fino al 90% di acqua con un effetto dissetante e rinfrescante.

Alcuni studi condotti negli Stati Uniti e nel Regno Unito hanno evidenziato che i frutti di bosco, specialmente i mirtilli neri, possono contrastare i problemi cardiaci e ridurre la pressione arteriosa, soprattutto nelle donne in menopausa, pertanto gli esperti consigliano di consumarne almeno una porzione tutti i giorni.

Inoltre, i polifenoli, di cui sono ricchi i frutti di bosco, riescono limitare i danni causati dai radicali liberi e aiutano a prevenire malattie croniche, degenerative e cognitive, come ad esempio l’Alzheimer o le difficoltà di memoria, dovute all’invecchiamento del sistema nervoso e delle facoltà neurologiche.

I mirtilli rossi della varietà cranberry sono indicati per prevenire e curare le infezioni urinarie, alleviando dolori e fastidi, oltre a ridurre la quantità di colesterolo nel sangue e a prevenire l’obesità in persone che seguono una dieta ricca di grassi e non particolarmente sana dal punto di vista nutrizionale. Infatti, mangiando tre porzioni di frutti di bosco al giorno, si favoriscono le funzioni metaboliche e si aiuta il corpo a bruciare più energie.

Infine, i frutti di bosco sono una fonte naturale di acido folico, indispensabile per un sano sviluppo del feto durante la gravidanza e per prevenire alcune forme di anemia, malformazioni del sistema nervoso centrale, nascite premature e ritardi mentali. L’acido folico è importante anche in età adulta per proteggere la salute del sistema cardiocircolatorio e delle funzioni cerebrali.

Come consumare i frutti di bosco

In generale, i frutti di bosco andrebbero consumati freschi, perché sono facilmente deperibili. Per ovviare a questa difficoltà, molto spesso vengono sottoposti ad essicazione o congelati, in modo da essere disponibili in ogni periodo dell’anno.

Di solito, l’essicazione avviene naturalmente, esponendo i frutti di bosco alla luce del sole oppure utilizzando appositi essiccatori o forni. In questo modo, i frutti vengono privati della loro percentuale d’acqua, ma le proprietà nutritive rimangono pressoché inalterate. I frutti di bosco essiccati possono essere consumati come snack energetico o utilizzati per aromatizzare bevande e tisane.

I frutti di bosco possono anche essere congelati e in questo caso la quantità d’acqua rimane inalterata, così come le calorie e i valori nutrizionali. In commercio, si trovano frutti di bosco coltivati, ma è stato riscontrato che le varietà spontanee e selvatiche hanno un maggiore potere antiossidante, grazie alla produzione di antociani, che aiutano la pianta a difendersi dalle cattive condizioni atmosferiche, dal calore del sole e dagli attacchi dei parassiti. I frutti congelati sono perfetti per preparare dolci e marmellate o per aggiungere sapore a macedonie e gelati, ma anche per realizzare cosmetici naturali, adatti a depurare la pelle del viso o per ravvivare il colore dei capelli rossi.

I frutti di bosco: controindicazioni ed effetti collaterali

I frutti di bosco sono dei veri alleati per il benessere del nostro organismo, tuttavia in alcuni casi il loro consumo potrebbe essere sconsigliato o addirittura dannoso per la salute.

Nelle persone predisposte, la notevole quantità di istamina presente nei frutti di bosco potrebbe indurre l’organismo a produrre una risposta infiammatoria e, di conseguenza, a provocare reazioni cutanee come rossori e orticaria, ma anche effetti più importanti sull’apparato respiratorio e gastrointestinale.

Per questo motivo e per evitare che queste manifestazioni allergiche compaiano già nei bambini molto piccoli, si sconsiglia di proporre i frutti di bosco in età pediatrica e di consumarli con molta moderazione durante l’allattamento, perché l’istamina potrebbe trasferirsi dalla madre al figlio attraverso il latte materno e provocare reazioni allergiche nel poppante.

I frutti di bosco nel nostro shop

I frutti di bosco non possono mancare nel nostro shop e vengono utilizzati per aromatizzare gustosi tè bio e infusi dal sapore dolce, intenso e sempre piacevole.

Il Tè Nero ai frutti di bosco sprigiona un sapore delicato e avvolgente, con sfumature che ricordano la dolcezza del miele. Viene prodotto in India, secondo i più rigorosi criteri dell’agricoltura biologica e solamente con concimi organici e naturali.

L’Infuso di frutti di bosco contiene solo frutti raccolti a mano nelle coltivazioni della Bosnia Erzegovina ed è totalmente privo di caffeina. Il suo gusto pieno e gradevole, lo rende ideale per ogni momento della giornata ed è preferibile sorbirlo al naturale per apprezzare al meglio tutti i sentori e gli aromi della bevanda.

I prodotti Punto Equo sono certificati e seguono i più rigorosi standard internazionali che ne garantiscono la massima naturalità, la presenza di ingredienti biologici certificati e l’esclusione di test sugli animali. I nostri metodi di produzione sono sempre a basso impatto ambientale e con una particolare attenzione alla biodiversità.

La Curcuma, una spezia utile per il benessere di tutto il corpo

La Curcuma è una pianta erbacea perenne, appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae, che comprende ben 80 specie diverse. Di solito, nasce spontaneamente nelle regioni del Sudest Asiatico e può raggiungere il metro d’altezza.

La varietà più conosciuta e utilizzata in cucina e fitoterapia è la Curcuma longa, di cui si utilizza il rizoma e la cui polvere è caratterizzata da un colore giallo ocra. Il suo aroma è particolarmente intenso, ma volatile, mentre il colore rimane inalterato nel tempo. Per questo motivo, viene spesso utilizzata come colorante naturale, soprattutto per formaggi, yoghurt e brodi vegetali, ma anche come ingrediente per integratori alimentari per le sue spiccate proprietà antinfiammatorie, depurative, analgesiche e antiossidanti.

Gli Assiri adoperavano la Curcuma per tingere i loro tessuti, mentre in India viene ancora oggi considerata una pianta beneaugurante e simbolo di prosperità. Infatti, le giovani spose la utilizzano per colorare i capelli il giorno del matrimonio e come pigmento per il maquillage. In occidente, veniva invece utilizzata in tintoria per tingere le stoffe, la carta o altri materiali. Oggi, la Curcuma è una spezia importante, che caratterizza la cucina mediorientale e del sudest asiatico, oltre ad essere uno degli ingredienti principali del curry e di diversi integratori alimentari.

Le proprietà e i benefici della Curcuma

La Curcuma viene tradizionalmente impiegata dalla medicina ayurvedica e dalla medicina cinese per le sue proprietà antinfiammatorie e da sempre è conosciuta per la sua azione depurativa e stimolante del sistema immunitario e dei processi epatici, oltre che come antiossidante e fluidificante del sangue. A livello cutaneo, può essere utilizzata per facilitare la guarigione di ferite, scottature, punture d’insetti e patologie dermatologiche, con risultati davvero sorprendenti ed efficaci.

Recenti studi hanno dimostrato che i reali responsabili delle qualità benefiche della Curcuma, sono il principio attivo chiamato curcumina e un olio essenziale estratto dal rizoma della pianta.

La curcumina è il più importante principio attivo tra i curcuminoidi, sostanze dal colore giallo presenti nel rizoma. Viene utilizzata prevalentemente in fitoterapia per curare i disturbi gastrici, ma anche per i suoi effetti antinfiammatori, nel trattamento delle patologie neurodegenerative e come coadiuvante per la perdita di peso, perché agisce in modo efficace sugli accumuli adiposi, grazie alla capsaicina, un alcaloide in grado di bruciare le riserve di grasso corporee con più rapidità. La curcumina possiede anche un alto potere analgesico, che la rende ideale per ridurre i dolori causati da infiammazioni articolari, artriti e artrosi.

L’olio essenziale di Curcuma è facilmente riconoscibile per il suo aroma intenso e speziato, ed è spesso utilizzato nella cosmesi naturale, oltre a possedere riconosciute proprietà digestive, antibatteriche, antifungine, antiossidanti e antinfiammatorie. In cosmesi, viene impiegato soprattutto per contrastare le rughe e i segni del tempo, per combattere la forfora e per la sua funzione seboregolatrice. Inoltre, è perfetto per impedire l’insorgere di infezioni, causate da funghi, virus e batteri come lo  Staphylococcus aureus, un pericoloso batterio Gram-positivo che può causare patologie anche gravi.

La Curcuma in cucina

Quando si pensa al profumo della Curcuma vengono immediatamente in mente i profumi delle cucine e dei mercati orientali, intensi e coinvolgenti. La polvere di Curcuma si ottiene facendo bollire i rizomi per diverse ore, che successivamente verranno essiccati in grandi forni per essere poi schiacciati e ridotti in polvere finissima di colore giallo scuro. Pur essendo un condimento, possiede un alto valore di carboidrati, fibre, sodio, proteine e zuccheri, mentre è totalmente priva di colesterolo.

La Curcuma è uno degli ingredienti alla base della cucina asiatica e viene ampiamente utilizzata per aromatizzare tantissimi piatti della tradizione, come la masala, il momos nepalese, il kaeng tai pla, una pietanza di origine tailandese a base di gamberi, curry e pesce, o il Golden Milk, una famosa bevanda indiana.

Solitamente, la Curcuma può essere aggiunta a fine cottura per insaporire i cibi, per preparare gustose salse o per rendere sfizioso e aromatico lo yoghurt.

Controindicazioni ed effetti collaterali della Curcuma

In generale la Curcuma non presenta particolari controindicazioni o effetti collaterali, ma va utilizzata con particolare cautela in caso di ipersensibilità o allergia ad alcuni suoi principi attivi e componenti. Il suo utilizzo viene anche sconsigliato a persone che soffrono di calcoli biliari e in gravidanza e allattamento sotto forma di estratti, mentre se ne può fare un uso sporadico come spezia per insaporire i piatti.

Inoltre, la Curcuma è controindicata per persone che assumono farmaci antidiabetici orali, perché può interferire sull’efficacia della terapia farmacologica.

La Curcuma nel nostro shop

Nel nostro shop è possibile acquistare la polvere di Curcuma macinata proveniente esclusivamente dal Commercio Equosolidale e da coltivazioni biologiche certificate. Si tratta di una spezia dal sapore deciso e leggermente pungente, adatta per preparare piatti della cucina indiana, bengalese e cingalese e in abbinamento a uova, verdure, riso, pesce e molluschi. Per mantenere inalterate le caratteristiche peculiari di questa spezia, il prodotto è confezionato in astucci da 20 grammi in materiale totalmente ecologico.

Se si preferisce assumere la Curcuma sotto forma di integratore alimentare, sul nostro shop sono disponibili CurcumAn compresse Curcuma e ananas. Le compresse sono perfette per unire le proprietà antiossidanti della Curcuma all’azione drenante dell’Ananas, ideali per contrastare i disturbi legati al ciclo mestruale e migliorare le funzioni articolari, oltre a favorire il microcircolo e a ridurre gli inestetismi della cellulite. Si consiglia di assumere una compressa al giorno dopo i pasti principali e di non utilizzare il prodotto in caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari. Inoltre, se si stanno assumendo farmaci,  è opportuno consultare il proprio medico.

I prodotti Punto Equo sono certificati e seguono i più rigorosi standard internazionali che ne garantiscono la massima naturalità, la presenza di ingredienti biologici certificati e l’esclusione di test sugli animali. I nostri metodi di produzione sono sempre a basso impatto ambientale e con una particolare attenzione alla biodiversità.

Il miele, un alimento buono e indispensabile a qualsiasi età

Albert Einstein affermava che “Se l’ape scomparisse dalla faccia della Terra, all’uomo resterebbero soltanto 4 anni di vita. Senza più api non ci sarebbero più impollinazione, piante, animali e… l’uomo” e senza api non potremo avere neanche il miele, un alimento indispensabile per la nostra salute a qualsiasi età.

Tutti conosciamo e apprezziamo il miele come prodotto naturale per addolcire cibi e bevande, ma pochi conoscono davvero le proprietà che rendono questo alimento così speciale.

Dall’antichità ad oggi

Le proprietà medicinali del miele sono conosciute fin dai tempi più antichi, come attestano alcune pitture rupestri risalenti a 8000 anni fa. Numerosi documenti a partire dai Sumeri, fino agli scritti di Ippocrate e Aristotele illustrano come il miele sia stato utilizzato da sempre sia come alimento sia come farmaco.

Com’è noto, il miele è un prodotto naturale elaborato dalle api, Apis Mellifera, a partire dal nettare dei fiori, che viene raccolto e successivamente trasformato all’interno dell’alveare. Ad oggi, sono riconosciuti circa 300 diverse tipologie di miele, la cui varietà dipende dal nettare dei fiori da cui le api raccolgono il nettare.

Le proprietà del miele

Il miele è un alimento costituito principalmente da carboidrati, ma anche da altri composti come proteine, vitamine, aminoacidi, minerali e acidi organici e inoltre il miele grezzo puro contiene polifenoli, flavonoidi, alcaloidi, glicosidi e composti volatili.

Si può considerare un super alimento  con riconosciuti effetti antiossidanti, antimicrobici, antinfiammatori, antiproliferativi, antitumorali e antimetastatici.

Il miele naturale è innanzitutto molto ricco di antiossidanti che svolgono un’azione molto importante, intercettando i radicali liberi prima che possano causare danni e malattie e sono efficaci nel rallentare il processo di invecchiamento delle nostre cellule. È importante sapere che le proprietà antiossidanti del miele sono legate al suo colore: infatti più è scuro, più il suo valore antiossidante è rilevante.

In secondo luogo, grazie alle sue proprietà e alla presenza di perossido di idrogeno, contrasta la proliferazione batterica. Molti studi hanno infatti accertato che esercita un effetto inibitore su circa 60 specie di batteri, compresi quelli aerobici e anaerobici, gram-positivi e gram-negativi. Le ricerche hanno anche dimostrato che, il miele di Manuka, una pianta che cresce in Nuova Zelanda e in alcune zone dell’Australia, è quello che produce l’azione antibatterica più efficace, soprattutto per la prevenzione dell’insorgenza di Escherichia coli e Staphylococcus aureus.

Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che il miele riesce ad agire sull’apoptosi di molte cellule cancerogene. L’apoptosi è una forma di morte cellulare programmata, che è inibita nelle cellule cancerogene, favorendone la proliferazione, e di conseguenza l’insorgenza ed accrescimento dei tumori.

In più, grazie ai composti fenolici e ai flavonoidi, ha proprietà antinfiammatorie che facilitano la guarigione dei tessuti danneggiati e stimola positivamente il sistema immunitario, prevenendo le infezioni. In particolar modo, è stato osservato che il nigeroligosaccaride, uno zucchero presente nel miele, aiuta a potenziare  le nostre difese immunitarie.

È anche  efficace nel trattamento della tosse notturna nei bambini maggiori di un anno, migliorandone il sonno ed è ottimo per contrastare le infezioni gastrointestinali come gastriti, duodeniti e ulcere gastriche causate da batteri patogeni e rotavirus.

Il mix naturale di zuccheri, come fruttosio e glucosio, e di altre importanti sostanze, quali proteine, minerali e vitamine lo rende un dolcificante più sano dello zucchero, utile per gli atleti prima, durante e dopo gli allenamenti, aumentando la resistenza e fornendo una consistente fonte di carboidrati, che vengono velocemente assorbiti ed utilizzati per fornire energia immediatamente disponibile. L’ effetto energetico è anche maggiore rispetto al normale zucchero e questa caratteristica è principalmente legata alla sua composizione.

Infine, in persone affette da diabete di tipo I e II, l’uso di miele è stato associato con indici glicemici significativamente più bassi rispetto a quelli riscontrati con l’assunzione di semplice glucosio o saccarosio e, previo consulto medico, alcuni tipi di miele ricchi di fruttosio possono essere consumati anche da persone diabetiche, perché il metabolismo del fruttosio non necessita dell’intervento dell’insulina.

I benefici del miele sono tantissimi e basterebbe consumarne un cucchiaino al giorno, circa 20 g, per goderne al massimo. Non è solo un valido sostituto dello zucchero e un vero e proprio super alimento, utilissimo per la nostra salute, ma soprattutto un prodotto salutare con impatti assolutamente positivi sulla nostra vita e sull’ambiente. Un vero tesoro da apprezzare e valorizzare.

Alcune controindicazioni

Come si è detto, il miele è un vero tesoro per la nostra salute, ma dato l’elevato contenuto calorico, il consumo va comunque limitato nelle persone diabetiche,  in sovrappeso o obese e a causa del rischio di infezione da tossina botulinica, è vivamente sconsigliato anche nei bambini al di sotto di un anno di età.

Il miele nel nostro shop

Nel nostro shop si può acquistare Il miele biologico Del Sol, un millefiori dall’Argentina, con un profumo dolce e persistente. È finemente cristallino, con un bouquet ricco di sfumature aromatiche e il colore è ambra intenso. È il risultato di più varietà di nettari bottinati in zone di boschi selvatici e viene prodotto senza processi di pastorizzazione, per questo conserva inalterate le sue proprietà benefiche.

Il nostro miele è un prodotto certificato da agricoltura biologica in cui si ammette solo l’impiego di sostanze presenti in natura, escludendo l’utilizzo di sostanze di sintesi chimica nel rispetto dell’ecosistema.

Non solo caffè… per una pausa rigenerante e gustosa

In Italia, la pausa caffè è un vero e proprio must che accomuna tutti i luoghi di lavoro. Un momento importante della giornata lavorativa, in cui ci si allontana dalla propria scrivania o postazione di lavoro, ci si avvicina alla macchina del caffè o al distributore automatico, e ci si prende qualche minuto di “stacco”  per un po’ di chiacchere con i colleghi. Non si tratta di una perdita di tempo, ma di un’occasione utile per rigenerarsi, recuperando un po’ di energie, e staccare la mente da ciò che stavamo facendo per ritornare con maggiore slancio e interesse.

Nel tempo le abitudini dei lavoratori sono cambiate e spesso durante la pausa in ufficio non si consuma solo caffè, ma anche altre bevande altrettanto piacevoli, come tè, tisane e decaffeinati bio al naturale, come caffè d’orzo, al ginseng o alla cicoria. Sempre salutari e dal gusto inconfondibile.

I benefici di una buona pausa caffè tra colleghi

Secondo la legge, ogni lavoratore ha diritto a staccare dall’attività lavorativa per almeno dieci minuti per recuperare le energie psico-fisiche, durante una giornata lavorativa di almeno 6 ore. Esistono delle eccezioni legate alle attività lavorative, ma questa è una regola abbastanza comune a molte attività, soprattutto se svolte in ufficio o di fronte a un videoterminale.

Questa legge sancisce l’importanza della pausa, non solo come momentaneo svago dal lavoro, ma anche come necessità per affrontare in modo più proficuo il resto della giornata, aumentando l’attenzione, riducendo lo stress e allentando le tensioni fisiche.

Infatti, diversi studi scientifici hanno dimostrato che la pausa caffè ha notevoli benefici sotto molti punti di vista.

  • Innanzitutto, un caffè o una bevanda bevuta davanti a una macchinetta o a un distributore automatico produce un’atmosfera informale, che favorisce la socializzazione tra colleghi, rafforzando le relazioni interpersonali e creando un ambiente lavorativo più tranquillo e rilassato. In questo modo, possono crearsi più facilmente delle alleanze e legami tra colleghi, che aiutano ad affrontare meglio le difficoltà, riducendo il nervosismo e le tensioni.
  • Il coffee break è utile anche dal punto di vista fisico, perché alzandosi dalla scrivania, si riattiva la circolazione sanguigna, si può riposare la vista e soprattutto si permette al cervello di riprendersi, facendo risalire a livelli ottimali la concentrazione e l’attenzione.
  • È anche importante l’orario in cui godere maggiormente dei benefici della pausa caffè. Secondo uno studio della University of the Health Sciences di Bethesda nel Maryland, pare che tra le 9.30 e le 11.30 del mattino ci sia un calo fisiologico del cortisolo, l’ormone dell’attenzione, ed è pertanto importante prendersi una pausa in questo intervallo di tempo per rinvigorirsi e recuperare le energie per affrontare le successive ore di lavoro. Il secondo picco di cortisolo si verificherebbe tra le 13 e le 14, e gli esperti consigliano di non bere caffè immediatamente dopo pranzo, ma di attendere le 14.30-15.00 per ottenere maggiori benefici e un pomeriggio più attivo e produttivo.
  • Infine, fermarsi per un attimo e staccare dall’attività lavorativa migliora la memoria e aiuta a ricordare meglio i propri compiti da portare a termine. Infatti, è stato provato da numerosi studi che il cervello tende a memorizzare meglio le azioni che risultano incompiute, perché quando si interrompe qualcosa che si sta facendo, per il cervello diventa impellente il bisogno di completare l’attività.

Naturalmente, anche l’allestimento e l’arredamento dell’area dedicata ai momenti di pausa e relax è importante. Non è sufficiente una stanza qualsiasi, ma deve essere informale e confortevole, con qualche seduta comoda, dove ci si può sentire a proprio agio, e deve essere fornita di macchinette per il caffè o distributori automatici, dove sia possibile trovare prodotti di alta qualità, possibilmente sostenibili, biologici ed equosolidali, come quelli proposti da Punto Equo.

Cosa bere durante una pausa caffè

Il caffè è un ottimo energizzante, perché fornisce un’immediata ricarica di energia e solitamente è il primo rimedio che viene utilizzato in caso di stanchezza fisica e mentale. Viene infatti anche assunto dagli sportivi quando devono compiere sforzi particolarmente intensi, perché la caffeina, grazie alla sua azione vasodilatatrice, aumenta la concentrazione e le performance. Chiaramente, va assunto senza eccessi e possibilmente non oltre il primo pomeriggio, perché può provocare insonnia, disturbi del sonno e tachicardia.

Esistono delle valide alternative al caffè, che possono tranquillamente sostituirlo con effetti altrettanto energetici e salutari. Per la pausa caffè, Punto Equo propone una vasta gamma di prodotti provenienti dal mercato equo e solidale: oltre alle cialde compostabili contenenti miscele di caffè di altissima qualità, è possibile scegliere la propria bevanda preferita tra fragranti caffè d’orzo, al ginseng o alla cicoria, profumati tè provenienti dalle migliori coltivazioni mondiali e ricche tisane ai frutti di bosco e alle erbe aromatiche.

Ognuna di queste bevande, può essere un vero toccasana per l’organismo pur essendo un “decaffeinato al naturale” e quindi adatto anche a chi non può o non vuole assumere il caffè. Il ginseng è conosciuto sin dall’antichità per il suo alto potere energizzante, ma anche per il suo effetto stimolante sul sistema immunitario e nervoso centrale. Un’ottima bevanda da consumare se si vuole combattere la stanchezza cronica e fare il pieno di vitamine e oligoelementi.

Il caffè d’orzo invece possiede ottime proprietà digestive e antinfiammatorie, ed è ottimo per chi soffre di disturbi cardiaci e d’ansia, perché non contiene sostanze stimolanti ed è inoltre una bevanda poco calorica. Non è però adatta alle persone celiache, perché contiene naturalmente glutine e va comunque consumato con moderazione per la presenza di acrilammide. 

Pochi sanno che la cicoria non è solo un ottimo contorno, ma anche una delle più valide alternative al caffè. Con le sue radici essiccate si può preparare un infuso, che ha molti effetti benefici sull’apparato digestivo, sulla regolarizzazione della frequenza cardiaca, sul fegato, sulla flora intestinale e persino sul contrasto ai radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare.

Anche il tè è un energizzante molto potente, seppure la teina venga assimilata dall’organismo in modo più lento e graduale. I tè di Punto Equo provengono solo dalle migliori coltivazioni mondiali e vengono attentamente selezionati per le loro proprietà benefiche e antiossidanti su tutto l’organismo.

Non da ultimo, è importante ricordare gli infusi e le tisane, ideali per chi vuole assaporare gusti sempre nuovi e diversi, con uno sguardo attento nei confronti della propria salute fisica e mentale. Le tisane possono avere effetti stimolanti, rilassanti, energizzanti, ma possono anche essere depurative, drenanti e antinfiammatorie, a secondo del loro contenuto di erbe e frutti.

Se durante la tua pausa, non vuoi bere solo caffè, scopri le tante alternative offerte da Punto Equo e sicuramente troverai il gusto che fa per te!

Commitment e coinvolgimento dei dipendenti, irrinunciabili per il futuro delle aziende

Creare un ambiente lavorativo in cui i dipendenti si sentano parte integrante di un’azienda è uno dei principali obiettivi di chi si occupa di risorse umane. Lealtà, rispetto e benessere nell’ambiente lavorativo sono alla base del legame tra datore di lavoro e dipendente, ma ciò che determina il livello d’impegno nello svolgimento di una particolare mansione sono le esperienze di una persona all’interno dell’organizzazione. I leader aziendali devono perciò cercare di stimolare il più possibile i desideri e le aspirazioni più intrinseche dei propri collaboratori, al fine di raggiungere il massimo del loro contributo.

I lavoratori che si sentono emotivamente coinvolti, accrescono il proprio impegno e entusiasmo per il proprio lavoro, perché considerano il contributo personale, un fattore importante per il raggiungimento degli obiettivi aziendali anche dal punto di vista psicologico e affettivo. Ne viene influenzata la mentalità, creando un clima di fiducia nelle proprie conoscenze, abilità e possibilità, che porta al conseguimento di un traguardo comune in modo efficace ed efficiente. Una sfida da affrontare insieme per il miglioramento e il benessere di tutta l’azienda.

Commitment e Engagement possono fare la differenza

Sicuramente i collaboratori e i dipendenti di un’azienda devono essere spinti ad impegnarsi per il compimento di un determinato compito o attività, ma il loro coinvolgimento va ben oltre, perché richiede il contributo attivo ed è costruito sul loro livello di soddisfazione, alla parte più emozionale e al legame che si è instaurato con l’organizzazione. È qualcosa che va al di là dello svolgimento del lavoro quotidiano, perché richiede responsabilità nei confronti della propria mansione, affidabilità, fedeltà ai valori aziendali e un alto coinvolgimento, oltre alla possibilità di esprimere le proprie capacità e competenze.

Definire il commitment come “impegno” è riduttivo, perché il lavoratore realmente coinvolto, sviluppa un forte senso di appartenenza, un legame affettivo che spinge a identificarsi con l’azienda e a desiderare di continuare a farne parte in futuro, condividendone gli obiettivi e i valori, ma anche una sorta di obbligo morale nei confronti dell’organizzazione che ha saputo creare un clima di reciprocità e rispetto, a cui rispondere con profonda lealtà. È un concetto piuttosto complesso, che coinvolge diverse dimensioni del rapporto tra datore di lavoro e dipendente, ma particolarmente importante e strategico per entrambi.

Oltre ad essere un mix di fattori personali e sociali, giocano un ruolo fondamentale la percezione di giustizia organizzativa, il riconoscimento dei propri meriti e delle proprie capacità, una comunicazione interna sempre efficace, la condivisione degli obiettivi e delle scelte strategiche, la possibilità di formarsi e aggiornarsi in modo costante e continuativo, l’autonomia nel gestire il proprio compito, e percorsi di crescita che portino ad un effettivo miglioramento delle proprie condizioni lavorative ed economiche. È inoltre importante che le promesse fatte in fase di assunzione, vengano mantenute nel tempo, sia per quanto riguarda l’aspetto economico, sia le aspettative, sia i bisogni individuali e le motivazioni personali del collaboratore.

Tutto questo influisce in modo significativo sul raggiungimento degli obiettivi aziendali, ma anche sulle prestazioni lavorative. Infatti, un elevato commitment e coinvolgimento dei lavoratori porta notevoli benefici a tutta l’azienda, come un basso tasso di turnover, una maggiore produttività e disponibilità a collaborare tra colleghi, un aumento della qualità nel raggiungimento degli obiettivi, una più elevata soddisfazione emotiva con una significativa riduzione dello stress e dei conflitti. Creare quindi un sistema complesso in cui ognuno si sente parte in causa, porta alla realizzazione di un circolo virtuoso che influisce positivamente sulle persone, sull’ambiente lavorativo e di conseguenza sugli stessi dipendenti.

Piccoli gesti quotidiani per migliorare il commitment e il coinvolgimento dei dipendenti

Ovviamente non esiste una ricetta perfetta e applicabile a tutte le aziende per creare un maggiore coinvolgimento e impegno da parte dei dipendenti, ma sicuramente è buona norma partire dai piccoli gesti e dalle attenzioni quotidiane per iniziare a creare un clima di fiducia e reciprocità, che porti a grandi risultati.

Uno dei fattori che sicuramente tocca da vicino le persone e le rende sensibili, è l’attenzione verso il benessere e la salute fisica. Dare spazio alla qualità della vita, ad un’alimentazione sana e alla possibilità di svolgere attività fisica sono aspetti fondamentali che fanno aumentare il coinvolgimento emotivo dei dipendenti, perché in questo modo si sentono considerati non solo come lavoratori, ma come persone con esigenze che vanno al di là dell’aspetto prettamente lavorativo. È perciò importante, anche nella pausa caffè, proporre alimenti che siano sani, biologici e sostengano valori come la solidarietà sociale e la responsabilità ambientale.

I distributori automatici e i caffè di Punto Equo sono l’ideale per le aziende che vogliono comunicare ai propri dipendenti una particolare attenzione nei loro confronti e valori positivi di cura per l’ambiente e la qualità del mondo in cui viviamo. Ogni prodotto Punto Equo viene realizzato solo con ingredienti di altissima qualità, biologici e provenienti dal commercio equo solidale per offrire sempre il meglio ai propri clienti e soddisfare ogni esigenza nel massimo rispetto dell’ambiente e delle persone.

Inoltre, il pensiero che un piccolo gesto, come l’acquisto di un prodotto alimentare o di un caffè, possa portare beneficio ad un’intera comunità in un luogo più disagiato del mondo, può essere motivo di profondo coinvolgimento emotivo per qualsiasi lavoratore, che si sente così più responsabile e stimolato a contribuire al benessere e al miglioramento delle condizioni di vita di altre persone.

Infine, Punto Equo pone particolare attenzione nella riduzione dei rifiuti in plastica e non riciclabili nel pieno rispetto dell’ambiente. Il valore ecologico dei prodotti Punto Equo è sicuramente riconosciuto e può essere un’ulteriore punto di forza per consolidare la consapevolezza che ogni azione, anche banale, può avere un forte impatto sull’ambiente e preoccuparsi di cambiare le proprie abitudini verso stili di vita più sostenibili, è diventato irrinunciabile.

Se stai cercando un nuovo modo per coinvolgere i dipendenti e proporre in modo innovativo i valori aziendali, anche durante una pausa caffè, contatta Punto Equo. Troveremo sicuramente la soluzione più adatta alle tue esigenze di comunicazione con una particolare attenzione per il benessere dei tuoi dipendenti e collaboratori.

.

Un caffè biologico a Torino per una pausa veramente rigenerante

Un buon caffè biologico a Torino rende la giornata più piacevole e aiuta ad affrontare con più slancio ed energia gli impegni quotidiani. A casa, in ufficio o al bar, è sempre una piccola prelibatezza, da gustare con calma per apprezzarne la squisita bontà fino all’ultima goccia.

Ciò che rende unica questa bevanda, sono innanzitutto le pregiate materie prime di qualità superiore, che devono essere sempre al giusto grado di tostatura per conservare tutti gli aromi e i profumi più intensi e fragranti, ma è anche importante che provengano da coltivazioni sostenibili e responsabili, dove i ritmi della natura e la qualità di vita delle persone siano sempre rispettati.

Da molti anni, Punto Equo distribuisce solo caffè Ethicru per offrire, esclusivamente ai propri clienti, miscele di altissima qualità certificate bio, controllate costantemente in ogni processo di produzione e responsabili dal punto di vista ambientale e sociale.

La miscele, provenienti da tutto il mondo, vengono attentamente selezionate da Maestri torrefattori, professionisti ed esperti di caffè per garantire che ogni fase del processo, dalla semina al confezionamento,  venga eseguito secondo le migliori tecniche produttive e nel pieno rispetto dell’ambiente, per ottenere un prodotto che sia sempre un perfetto equilibrio di gusto, aroma e consistenza. I prodotti Ethicru si adattano a tutte le tipologie di macchine per il caffè e caffettiere sul mercato, dalla più professionale alla moka di casa, e la miscele sono disponibili in vari formati e confezioni ecocompatibili: in grani, in polvere e in cialde monodose interamente compostabili secondo gli Standard ESE e in capsule compatibili per il formato Nespresso System.

Ogni produttore viene incentivato ad applicare e rispettare i principi fondamentali dell’agricoltura biologica, utilizzando solo concimi e fertilizzanti naturali, limitando gli sprechi delle risorse idriche ed energetiche e rispettando la vita, il lavoro e le tradizioni delle popolazioni locali. Il più importante organo di controllo italiano per i prodotti biologici, ICEA, ha riconosciuto l’impegno di Punto Equo a favore dell’ambiente e della diffusione dell’agricoltura biologica, garantendo i suoi prodotti con le certificazioni Reg. CE 834/07 e CE Reg. 889/08.

Per Punto Equo la qualità dei prodotti è sicuramente un fattore importante, ma non è l’unico obiettivo che vuole raggiungere. La cooperativa e i suoi partner sono infatti coinvolti e impegnati in modo concreto anche dal punto di vista sociale ed economico, per la creazione di un mondo che sia più equo, solidale e rispettoso della vita lavorativa, sociale e culturale delle persone. Infatti, offrendo le migliori condizioni economiche e commerciali sul mercato, si promuovono sistemi di produzione più sostenibili e si garantisce il diritto ad una esistenza più dignitosa ai lavoratori e alle loro famiglie, in particolare nei paesi più disagiati, dove la cultura dello sfruttamento ambientale e lavorativo è ancora molto diffusa e radicata. Per questo motivo, Punto Equo si affida a Shadhilly soc. coop., cooperativa partner e sostenitrice del progetto, per importare le migliori produzioni di caffè Robusta e Arabica dal Guatemala, dall’India e dall’Uganda, con la certezza che vengano sempre applicati i principi del commercio equo e solidale.

Ogni dettaglio del servizio di Punto Equo viene attentamente studiato e curato per evitare gli sprechi e la dispersione delle risorse. Infatti, le macchine per il caffè ad uso domestico e professionale vengono fornite in comodato d’uso gratuito, con l’assistenza ordinaria e straordinaria inclusa. Il servizio di assistenza tecnica viene gestito interamente da Punto Equo, grazie ad un efficiente laboratorio interno il quale, oltre a rispondere ad una effettiva esigenza dei clienti, garantisce che l’attrezzatura sia sempre funzionante e revisionata, procedendo, se necessario, alla sostituzione delle parti usurate, alla rigenerazione dei componenti o all’aggiornamento dei sistemi di funzionamento. Il ciclo di vita di ogni macchina per il caffè viene prolungato il più possibile, riducendo la quantità di rifiuti meccanici e tecnologici, che potrebbero finire in discarica.

Un buon caffè biologico a Torino è un’esperienza da non perdere! Punto Equo è sempre la migliore pausa della giornata, rigenerante, equa e sostenibile.

Coccolare il cliente in azienda, anche con un buon caffè equo e solidale

In un mondo sempre più competitivo, dove è sempre più difficile acquisire e fidelizzare la propria clientela, è diventato indispensabile coccolare i clienti in azienda, facendoli sentire unici, speciali e desiderati. Non bisogna dimenticare che i clienti sono innanzitutto persone, che torneranno ad acquistare se avranno avuto un’esperienza che li faccia sentire protagonisti, superi le loro aspettative e, se soddisfatti, li porti a farsi ambasciatori del marchio, alimentando il passaparola tra amici, colleghi e parenti.

Tutto dipende dalla percezione e dalle emozioni provate dalle persone, non solo per quanto riguarda il servizio o prodotto in sè, ma anche rispetto alla disponibilità, alla cortesia e all’assistenza ricevute in ogni fase dell’acquisto e successivamente alla ricezione del prodotto.

Un altro fattore determinante sono i valori aziendali e il modo in cui vengono diffusi e comunicati. Non sono più sufficienti una comunicazione scritta o una buona campagna pubblicitaria per attirare e fidelizzare la clientela, perché le persone ormai cercano azioni concrete che dimostrino l’effettiva adesione dell’azienda ai propri valori, anche nei gesti più piccoli e apparentemente insignificanti. Pertanto, per diffondere efficacemente i principi aziendali di responsabilità sociale e sostenibilità ambientale, può diventare significativo persino un caffè biologico ed equosolidale offerto in un bicchierino in materiale compostabile.

Le persone si affezionano a ciò che le fa sentire bene

Far sentire bene e apprezzati i propri clienti è il primo passo per creare un rapporto lungo e vantaggioso, anche dal punto di vista economico.

Innanzitutto, per capire i propri clienti è necessario calarsi nei loro panni, interrogarsi sulle loro possibili necessità e richieste, e soprattutto metterli al centro di ogni iniziativa e progetto. Ogni dettaglio, anche minimo, deve essere studiato con attenzione, perché può diventare differenziante e importante per il cliente e la sua esperienza, anche emotiva, con il prodotto o servizio.

Si possono usare delle semplici tecniche di “corteggiamento”, non invasive, che però facciano sentire le persone accolte e riconosciute, anche a distanza di tempo. Un’attenzione particolare o essere accolti come un amico sono sempre graditi, perché fanno sentire le persone speciali e uniche.

L’immagine, i valori aziendali, la puntualità e la coerenza sono i fattori principali con cui si crea fiducia nei clienti. Servono per distinguersi dalle altre aziende e dai concorrenti, creando un’immagine del proprio brand assolutamente indimenticabile. I clienti non si legano a un marchio solo per la bontà del prodotto, ma per l’esperienza positiva che hanno vissuto e le attenzioni che hanno ricevuto.

Diventa quindi importante seguire il cliente anche successivamente all’acquisto, ricordandosi di chiedere se è soddisfatto, aggiornandolo su nuovi prodotti o servizi, proponendo offerte o piccoli omaggi, e facendolo sempre sentire al centro di ogni strategia commerciale, considerato e ricordato, ma anche permettendogli di esprimere la propria opinione o suggerimenti utili che aiutino a migliorare la sua esperienza d’acquisto, dalla vendita fino al post-vendita.

Per fidelizzare un cliente, la qualità diventa più importante della quantità, ed è decisamente più semplice ed economicamente vantaggioso, investire chi già conosce il servizio e prodotto che si sta proponendo, rispetto a ricercare nuove persone interessate. Questo non vuol dire che non si debba ampliare la propria clientela, ma investendo le giuste energie sulle persone che già conoscono il prodotto, è molto più probabile che torneranno in seguito per esigenze simili.

Inoltre, fidelizzando la propria clientela si impara a conoscerla meglio, a capirne le esigenze, gli usi e le possibili necessità future. Un modo efficace per sapere dove puntare l’attenzione per i prodotti futuri, cosa proporre e dove ricercare eventuali nuovi clienti, che abbiano interessi e bisogni simili al pubblico già fidelizzato.

Un cliente conosciuto e fidelizzato non è più un numero, ma una persona reale a tutti gli effetti, che va coccolata in ogni momento, ma è soprattutto un ottimo portavoce del brand, perché parlando della propria esperienza con amici e parenti, farà conoscere i prodotti e i servizi a una platea sempre più ampia di pubblico senza che siano necessari grossi investimenti.

Curare e coccolare i clienti è un investimento a lungo termine, che richiede costanza, dedizione e anche creatività, ma che ripaga e dà sicuramente ottimi risultati.

Un caffè per coccolare i clienti in azienda

Un caffè è un modo sempre gradito per prendersi una pausa durante una riunione d’affari o una consulenza, un’occasione di relax, aggregazione e complicità. Per gli italiani è un rito irrinunciabile durante la giornata, ma può diventare anche un modo per far conoscere ed apprezzare i valori aziendali dai propri clienti.

Per questo motivo, anche un semplice caffè, preparato con una macchina aziendale, deve essere sempre all’altezza delle aspettative, con miscele di ottima qualità e accessori che esprimano al meglio i valori aziendali. I caffè proposti da Punto Equo sono l’ideale per questi momenti di pausa, perché studiati in ogni dettaglio per regalare esperienze uniche e indimenticabili, con un’attenzione particolare alla sostenibilità ambientale e all’equità dei rapporti sociali e commerciali.

Le miscele di caffè acquistabili da Punto Equo sono a marchio Ethicru, una garanzia di alta qualità dei prodotti, perché provengono solo da coltivazioni biologiche e dal mercato equo e solidale, che garantisce un giusto prezzo d’acquisto ai produttori e condizioni di vita più sostenibili alle popolazioni dei luoghi più poveri del mondo.

Inoltre, Punto Equo ha particolarmente a cuore la difesa dell’ambiente e la riduzione degli sprechi e dei rifiuti. Pertanto, fornisce solo accessori e confezioni in materiale compostabile, riutilizzabile e completamente riciclabile, come bicchierini in carta o tazzine in ceramica personalizzate, palettine in legno di bambù o cucchiaini riutilizzabili, e cialde per il caffè in cellulosa, secondo i più alti standard europei.

Infine, per le aziende che vogliono coccolare i propri clienti con omaggi e regali, comunicando in ogni momento i propri valori, Punto Equo ha creato una linea di cesti, composizioni e soluzioni personalizzate, adatte a tutte le occasioni dell’anno. Un modo gustoso per regalare momenti piacevoli e contribuire in modo concreto a progetti di solidarietà sociale.

Coccola i tuoi clienti con Punto Equo e fai un regalo buono, equo e solidale sotto tutti i punti di vista!

In ufficio, quale alternativa al bicchierino del caffè usa e getta?

La pausa caffè è un momento fondamentale durante una giornata lavorativa per rigenerarsi e recuperare le energie. Un momento di serenità, relax e convivialità con colleghi e clienti, che però può diventare altamente impattante dal punto di vista ambientale. Infatti, per quanto i bicchierini  e le palettine di plastica siano comode, economiche e ormai entrate nell’utilizzo comune, sono anche una fonte importante di rifiuti plastici che, se non correttamente differenziati, possono andare ad alimentare l’inquinamento e mettere in serio pericolo anche la vita di molte specie animali.

Inoltre, dal 2018 esiste una legge europea che limita in modo significativo l’utilizzo dei prodotti in plastica monouso, i quali verranno banditi proprio dal 2021. La legge, non solo vieta le plastiche monouso, ma incentiva anche gli investimenti in nuovi tipi di imballaggi, che andranno a sostituire gli attuali oggetti d’uso comune con nuovi materiali sostenibili e biodegradabili, mettendo in pratica obiettivi virtuosi e vantaggiosi dal punto di vista ambientale ed ecologico.

Fortunatamente, sul mercato esistono già valide alternative, come i bicchierini in materiali compostabili, le palettine in legno o le tazzine in ceramica, personalizzate e riutilizzabili praticamente all’infinito.

Bicchierini in carta e plastiche biodegradabili

I bicchieri in plastica sono certamente tra i contenitori più diffusi ed economici, ma anche i più inquinanti e meno adatti per il consumo di bevande calde. È infatti noto che la plastica, a contatto con il calore, può deformarsi o rilasciare sostanze nocive per il nostro organismo. Da uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Hazardous Materials è emerso che, assumendo una media di tre tazze di bevande calde al giorno, si possono ingerire fino a 75mila particelle di microplastica. Queste microparticelle introducono nell’organismo diversi contaminanti come ioni, metalli pesanti e composti organici idrofobici che, Se ingeriti regolarmente, possono provocare malattie molto serie.

I bicchierini di carta sono invece molto più salutari e rappresentano una scelta sostenibile, perché aiutano a ridurre la quantità di rifiuti nell’ambiente. Inoltre, la carta trattiene più facilmente il calore e l’aroma del caffè, prolungando il piacere della pausa. I più recenti bicchierini di carta sono rivestiti internamente con un materiale da un film in PLA, (acido polilattico), una bioplastica biodegradabile e compostabile che deriva dagli zuccheri delle piante, come mais, manioca, canna da zucchero o barbabietola. Questi bicchieri sono ideali per le bevande calde e possono resistere a temperature fino a 95°C. Ne esistono anche modelli a doppio strato di cartoncino, che proteggono maggiormente in caso di bevande particolarmente calde. . Per le bevande fredde, esistono anche bicchieri totalmente in PLA, resistenti fino ad un massimo di 40°C.

Una valida alternativa è rappresentata dai bicchieri in polpa di cellulosa, sempre biodegradabili, compostabili e resistenti alle alte temperature, come quelle di una tisana o una buona cioccolata calda.

Punto Equo utilizza anche bicchieri in Mater-bi, una famiglia di bioplastiche completamente biodegradabili e compostabili, a ridotto impatto ambientale, brevettate e commercializzate dalla Novamont. Questi prodotti sono idonei al contatto alimentare e hanno ottenuto la certificazione di compostabilità secondo lo standard UNI EN 13432. Si tratta di una plastica ottenuta dalla lavorazione dell’amido di mais, completamente biodegradabile con processi del tutto naturali e rispettosi dell’ambiente.

Tazzine in ceramica riutilizzabili

Il governo indiano ha annunciato che sostituirà i bicchierini in plastica in oltre 7000 stazioni ferroviarie, sostituendoli con i tradizionali kulhad in ceramica. Questa operazione permetterà di ridurre in modo decisivo la quantità di rifiuti in plastica e favorirà l’occupazione di 2 milioni di ceramisti. I kulhad sono tazze fatte a mano, un tempo molto comuni, non verniciate o dipinte, e soprattutto completamente biodegradabili. Infatti, dopo l’uso, si trasformano nuovamente in argilla che può essere gettata o rotta sul pavimento senza generare inquinamento. Inoltre, i vasai verranno incentivati ad utilizzare apparecchiature elettriche a basso impatto ambientale e il materiale potrà essere facilmente riciclato per la produzione di nuovi contenitori, diminuendo drasticamente il volume delle discariche.

L’iniziativa del governo indiano pone l’accento su quanto siano dannosi gli imballaggi monouso e quanto sia semplice trovare soluzioni alternative, sritornando al passato o riutilizzando gli oggetti d’uso quotidiano.

Le tazzine in ceramica che tutti abbiamo in casa possono essere utilizzate tranquillamente al posto dei classici bicchierini in plastica, anche nelle macchine da caffè che normalmente si trovano nelle sale pause aziendali. Punto Equo offre ai propri clienti una gamma di tazzine in ceramica personalizzabili e riutilizzabili, con cui è possibile bere il proprio caffè, proprio come a casa. Questo servizio, oltre ad avere un impatto estetico decisamente migliore rispetto ai bicchierini in plastica, permette di ridurre notevolmente i rifiuti e accresce il valore in termini di sostenibilità e riciclo delle macchine da caffè.

Le palettine in bambù

Dai primi di luglio 2021, le palettine in plastica per mescolare il caffè sono state vietate dalla normativa europea, salvo smaltimento scorte, ma al momento non si è ancora trovata una valida alternativa, se non l’utilizzo di posate in metallo riutilizzabili. Le palette in bio plastica non sembrano essere adatte per un utilizzo in bevande particolarmente calde, per cui in molti stanno valutando la possibilità di utilizzare il legno in varie essenze, dal bambù alla betulla.

Punto Equo fornisce da anni palettine in bambù ai propri clienti, un materiale proveniente esclusivamente da coltivazioni controllate e certificate, che garantiscano il pieno rispetto della natura e della sostenibilità ambientale. Il bambù è una pianta a crescita rapida e fornisce un legno robusto e resistente alle alte temperature, oltre ad essere biodegradabile e privo di sostanze chimiche. Una vera alternativa ecologica alla plastica.

In un mondo sempre più inquinato, anche un piccolo gesto come un caffè durante una pausa acquista un grande valore per il futuro del nostro Pianeta.