Il pepe nero: proprietà, usi e benefici

Il pepe nero è da molti considerato il “re delle spezie” per i suoi innumerevoli utilizzi in cucina e le sue proprietà benefiche. Il pepe nero si ottiene dalla lavorazione dei frutti del Piper Nigrum, una pianta appartenente alla famiglia delle Piperaceae e originaria dell’India. Dagli stessi frutti, ma utilizzando processi produttivi differenti, si ottengono anche il pepe bianco e il pepe verde, mentre il pepe rosa è il frutto di un’altra pianta ed è caratterizzato da un sapore più delicato.

Il pepe nero si ottiene facendo essiccare al sole i frutti acerbi del Piper nigrum, precedentemente sbollentati e disidratati fino ad ottenere il tipico aspetto rugoso, il pepe bianco viene invece prodotto con le bacche quasi mature, che vengono messe a macerare in acqua fino a che l’involucro esterno non si stacca naturalmente. I grani di pepe bianco vengono anch’essi essiccati e sono più piccoli del pepe nero, oltre ad avere un aroma meno intenso e pungente. L’involucro esterno viene invece macinato e venduto come “guscio del pepe”, una spezia dal colore scuro e dal gusto molto aromatico e piccante.

Ancora oggi, il pepe viene coltivato prevalentemente nei territori dell’India meridionale e nei paesi tropicali del Sud del mondo, dove le piante trovano il clima ideale e terreni umidi e ricchi di nutrimento, perfetti per crescere e svilupparsi.

Alcuni cenni storici

Il pepe è una pianta legnosa perenne ed era una spezia già conosciuta nell’Antico Egitto, come testimoniano alcuni grani ritrovati nelle tombe di famosi Faraoni. In Grecia, Ippocrate ne consigliava l’utilizzo per calmare i dolori mestruali, mentre presso i Romani era una preziosa merce di scambio ed era riconosciuta come simbolo di ricchezza e prosperità.

Durante il periodo medievale, il pepe era talmente prezioso da essere utilizzato come moneta di scambio e successivamente, iniziò ad essere impiegato come rimedio nella medicina ayurvedica, in particolare nella preparazione di alcuni preparati a cui venivano aggiunti lo zafferano e il pepe lungo, perché favorirebbe i processi digestivi e aiuterebbe a regolare il metabolismo.

Oggi, il pepe nero è una delle spezie più utilizzate nelle cucine di tutto il mondo per insaporire i piatti, rendere più gustose le pietanze e arricchire l’aroma di salumi e formaggi freschi e stagionati.

Proprietà e benefici del pepe nero

Il pepe nero è caratterizzato da una spiccata piccantezza, grazie alla presenza significativa di piperina, un alcaloide saporito, ma molto meno potente della capsaicina del peperoncino. Purtroppo, gli aromi del pepe nero sono particolarmente volatili, pertanto va conservato sotto vuoto e al riparo dalla luce, al fine di mantenere intatte le sue caratteristiche organolettiche. In cucina, solitamente, si raccomanda di macinarlo fresco e sul momento per evitare che il suo aroma si disperda troppo velocemente.

Questa spezia è particolarmente stimolante per lo stomaco, perché favorisce lo sviluppo e la secrezione dei succhi gastrici e la digestione degli alimenti. Oltre a ciò, la piperina svolge un’importante azione antibatterica e in passato il pepe veniva utilizzato anche per migliorare il sapore delle bevande, come il vino e la birra.

Oltre all’utilizzo culinario, il pepe nero trova un notevole impiego in medicina per curare diverse patologie e disturbi. Nel V secolo, in Medioriente, veniva già adoperato dai medici per alleviare la diarrea, i dolori all’orecchio,  gli ascessi, le punture d’insetto e i disturbi epatici, oltre a curare le malattie cardiache e contrastare l’insonnia. Non tutti questi rimedi hanno un fondamento scientifico e un’effettiva utilità, anche perché l’irritazione causata dalla piperina non sempre può avere effetti benefici, ma potrebbe acuire alcuni disturbi, soprattutto a livello gastrico in caso di ulcere, gastriti e lesioni.

Alcuni studi hanno invece confermato che la piperina può essere molto utile per combattere l’obesità e la depressione, perché sembra che stimoli la produzione di endorfine, comunemente definite l’”ormone della felicità”, che aiuterebbero ad aumentare il tono dell’umore e a controllare le sensazioni di piacere e dolore.

Il pepe nero viene anche usato a livello epidermico per contrastare alcune patologie dermatologiche, come la vitiligine, e in alcuni centri benessere viene utilizzato per i massaggi o aggiunto nell’acqua di bagni rilassanti per favorire la depurazione dell’organismo in modo del tutto naturale. Inoltre, in caso di contusioni è utile per ridurre il gonfiore e lenire il dolore se utilizzato in impacchi freddi.

Il pepe nero nel nostro shop

Il pepe nero è una spezia indispensabile in tutte le cucine, perché dona gusto, sapore e aroma ad ogni pietanza. Il pepe nero che si può acquistare sul nostro shop proviene dalla migliori coltivazioni biologiche dello Sri Lanka e da produttori del Commercio Equo e Solidale. Si può trovare sia nella versione in grani sia macinato, in confezioni artigianali fatte a mano con materiali naturali per mantenere intatto l’aroma intenso e aromatico di questa spezia eccezionale. All’interno di ogni confezione, si possono trovare numerose ricette per utilizzare al meglio il pepe e rendere ogni piatto una vera delizia.

I prodotti Punto Equo sono certificati e seguono i più rigorosi standard internazionali che ne garantiscono la massima naturalità, la presenza di ingredienti biologici certificati e l’esclusione di test sugli animali. I nostri metodi di produzione sono sempre a basso impatto ambientale e con una particolare attenzione alla biodiversità.

Condividi su

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
Linkedin
Condividi su pinterest
Pinterest

Ti potrebbero interessare anche